Bambini e adolescenti


sostegno psicologico alla genitorialità e terapia di coppia a parmaUn percorso di psicoterapia o di consulenza psicologica può nascere da un disagio espresso da un bambino o da un adolescente.
Durante i primi colloqui, verrà definito insieme il percorso più idoneo a seconda delle problematiche emerse.

Vi è la possibilità che un percorso di supporto al bambino/ragazzo venga affiancato da un percorso di sostegno alla genitorialità.
E' inoltre possibile, e talvolta auspicabile, che la il sostegno psicologico al bambino/ragazzo si arricchisca di una psicoterapia familiare, al fine di attivare tutte le risorse presenti in famiglia e di espandere fra tutti i membri della famiglia nuove consapevolezze. L'obiettivo generale sarà quello di ristabilire un benessere diffuso fra tutti i membri della famiglia.

adolescenti dallo psicologo psicoterapeuta che possono parlare delle loro esperienze e delle loro emozioniI bambini e gli adolescenti rappresentano i componenti della famiglia più vulnerabili, sperimentano continuamente evoluzioni, cambiamenti e sfide nel loro quotidiano.

Gli adolescenti in particolare, si trovano nell'età dello sviluppo e devono affrontare importanti cambiamenti fisici, psichici, emotivi ed affettivi. La transizione dal mondo dei "bambini" al mondo degli "adulti" è considerata una delle tappe più delicate di una persona.








non solo fare i genitori è difficile ma anche essere figli e trovare il proprio posto nel mondoI figli, con consapevolezza crescente man mano che l'età avanza, devono ritagliarsi il proprio spazio nella famiglia, nel mondo dei pari, nel sistema scolastico e più in generale, nel mondo.

A seconda della problematiche emerse, si può riflettere se richiedere la collaborazione della scuola, al fine di elaborare un intervento di rete che coinvolga tutte le figure presenti attorno al bambino/ragazzo.









Può essere utile in caso di:
  • Disagio relazionale con i propri compagni di classe, amici, insegnanti, genitori o fratelli;
  • Disagio corporeo (vedersi grasso, goffo, ecc.);
  • Crisi rispetto alle proprie emozioni, alla propria identità e al proprio progetto di vita;
  • Eccessiva aggressività o marcato isolamento sociale;
  • Problemi scolastici;
  • Separazione o divorzio dei genitori;
  • Malattie, traumi o perdita di un genitore;
  • Paure ed angosce;
  • Gesti autolesivi e pensieri autodistruttivi;
  • Somatizzazioni di malessere e sofferenza;
  • Scoperta della propria identità sessuale.





Per ulteriori informazioni, collegatevi al sito: http://adolescienziale.blogspot.it/

Nessun commento:

Posta un commento