venerdì 9 aprile 2021

Qualche domanda? Rispondo anche su whatsapp

La dott.ssa Veronica Gardoni risponde a domande e dubbi anche su whatsapp. Chat delle parole, sintomi e dubbi. Psicologo parma psicoterapia ansia depressione umore autostima bisogno sostegno aiuto 

 Ormai l’utilizzo di whatsapp sta risultando particolarmente comodo anche per me. Potete scrivermi quando preferite, senza impegno. Domande, dubbi, sintomi, richieste di informazioni. Risponderò il prima possibile e se necessario, concorderemo un appuntamento in studio oppure un’orario per sentirci telefonicamente. 


Mi trovate al numero 3492730851 




giovedì 4 marzo 2021

Famiglie, genitori e l’arrivo di un figlio

 

Già prima della nascita di un figlio, ogni genitore inizia ad anticipare la sua identità e il suo ruolo all’interno delle dinamiche familiari e su di lui si concentrano numerose aspettative. Queste traggono origine dalle emozioni e dai sentimenti intercorsi durante la gravidanza, il parto o il periodo neo-natale, dai vissuti che ogni genitore porta con sé dalla propria famiglia d’origine e dalle identificazioni e somiglianze fra genitori e figli. Non è raro incontrare genitori che si aspettano dal proprio figlio fedeltà verso l’orgogliosa azienda di famiglia oppure che lo spingono ad intraprendere un percorso di studi coerente con i loro valori o con la loro idea di successo. Per esempio, l’esclamazione “è tutto suo padre!”, motivata solo dia medesimi gusti in cucina o da una somatica simile, può inconsapevolmente sfociare in una generalizzazione, suggerendo al figlio un ruolo e una personalità simile a quella paterna.

venerdì 19 febbraio 2021

Cosa significa occuparsi di emozioni attraverso la Psicoterapia Sistemica Relazionale?

Se privilegio una lettura sistemica delle situazioni, posso ipotizzare che tutti noi viviamo entro sistemi complessi, costituiti dagli eventi cui partecipiamo e dal nostro modo di sperimentarci. In ogni momento in cui sono insieme ad (almeno) un'altra persona, si crea un sistema di relazioni, che ha anche caratteristiche emotive. Di più: quando sono solo con me stesso, vivo comunque in relazione con pensieri, fantasie, aspettative, che mi connettono ad altre persone e che hanno connotazioni emotive. Le posso ignorare, volontariamente o meno, ma non ne posso negare l'esistenza. [...] Ogni emozione viene da qualche parte e va da qualche parte: ogni emozione sentita e mostrata da ognuno di noi è - almeno fino ad un certo punto - una conseguenza e una risposta all'emozione mostrata da qualcun altro, e insieme un messaggio più o meno intenzionale inviato ad altri. Gli altri sono a loro volta influenzati dalle emozioni che mostriamo, sviluppano le loro emozioni verso di noi e verso altri ancora e così via: l'emozione di diffonde e si sviluppa entro e attraverso il sistema" (Paolo Bertrando)

domenica 7 febbraio 2021

I libri ci vengono in aiuto

“Dobbiamo essere capaci di sopravvivere allo scoraggiamento e allo sconforto che qualche volta ci assalgono quando ci confrontiamo con le tragedie della vita. Dobbiamo essere capaci di andare avanti, di non perdere la speranza, di cogliere sempre gli aspetti comici di situazioni assurde e apparentemente impossibili. Per questo è importante alimentare la nostra capacità di entusiasmarci e di ricaricarci anche quando sperimentiamo il fallimento” (Murakami)

https://www.facebook.com/1069863543031195/posts/5078669142150595/

martedì 2 giugno 2020

Lo studio riapre

Sono felice di comunicare che ricomincio a ricevere in studio, al Poliambulatorio S.Orsola in via Sidoli 9.

I colloqui si svolgeranno nel pieno rispetto delle normative vigenti e le linee guida per accedere allo studio sono visionabili sul sito https://www.labsantorsola.it/

Per chi preferisse, prosegue la possibilità di richiedere i colloqui on-line.


Mi trovate al numero 3492730851 oppure all’indirizzo mail veronica.gardoni@hotmail.it

Ringrazio tutti per la collaborazione.


martedì 31 marzo 2020

Emergenza Covid-19

Per tutti coloro che hanno dovuto interrompere i propri progetti, che hanno dovuto posticipare visite mediche con l’ansia dell’attesa che cresce ogni giorno di più, che hanno amici, famiglie e amori lontani.
Per tutti coloro che hanno subito dei lutti senza poter dire addio ai propri cari e senza poter elaborare la perdita attraverso la celebrazione del defunto.
Per tutti coloro che si trovano ad affrontare nuove sfide, emerse proprio durante questo difficile periodo storico.
Per tutti coloro che vivono l’emergenza in prima linea, con coraggio, dedizione e con un carico emotivo da sopportare.
Per tutti coloro che vivono l’isolamento insieme a persone affette da demenza, disturbi neurocognitivi, disturbi del neurosviluppo o handicap gravi.
Per tutti coloro che trascorrono le giornate tra preoccupazione, smarrimento e incertezza.
Per tutti coloro che sentono il bisogno di essere aiutati: non esitate a chiamare. Il supporto psicologico non si ferma.

martedì 21 gennaio 2020

novità 2020 - tariffe agevolate

La dott.ssa Veronica Gardoni propone delle tariffe calmierate e agevolate per potersi permettere un aiuto dallo psicologo psicoterapeuta. Ricevo a Parma e mi occupo di ansia, depressione, disturbi dell’umore e autostimaE' stata introdotta la possibilità di ottenere delle tariffe agevolate per sostenere un percorso psicologico e psicoterapeutico.

L'obiettivo è quello di avvinarmi alle persone che faticano a prendersi cura di sè stessi per motivi economici.

Contattatemi al numero 3492730851 o all'indirizzo mail veronica.gardoni@hotmail.it per maggiori informazioni.




mercoledì 8 gennaio 2020

Facebook



Da oggi la pagina facebook "Psicologo su Skype" cambierà il suo nome in "Dott.ssa Veronica Gardoni - Psicologa Psicoterapeuta".

Vi invito a seguirmi!

martedì 10 settembre 2019

Mese del benessere psicologico

per tutto ottobre il mese del benessere psicologico un colloquio gratuito a parma con la psicologa psicoterapeuta

Sarà possibile prenotare un COLLOQUIO GRATUITO per tutto il mese di ottobre.

Per maggiori informazioni chiamatemi senza impegno al numero 3492730851

giovedì 4 ottobre 2018

giovedì 27 settembre 2018

Mi presento


chi è la dott.ssa Veronica Gardoni psicologa psicoterapeuta a Parma e di cosa si occupa
La dott.ssa Veronica Gardoni è Psicologa e Psicoterapeuta specializzata in Psicoterapia Sistemica. È iscritta dal 2012 all'Albo dell’Ordine degli Psicologi dell’Emilia-Romagna (n. 7018, sez. A) e  dal 2016 all'Albo degli Psicoterapeuti dell'Emilia-Romagna.

Si è laureata in “Psicologia dello sviluppo e dell’educazione” a Firenze e si è specializzata nel 2010 in “Psicologia dello sviluppo: contesti educativi, sociali e clinici” a Parma, con una tesi volta ad indagare la memoria autobiografica e i ricordi dell’infanzia. Ha arricchito la sua esperienza universitaria con una borsa di studio a Granada (Spagna) dove ha raccolto una parte dei dati per la tesi finale, aiutata dalla prof.ssa Luisa Molinari. Dopo la laurea, ha svolto cinque anni di tirocinio presso il “Centro di consulenza e terapia della famiglia” dell’AUSL di Parma, sotto la supervisione del dott. Antonio Restori e della dott.ssa Alessia Ravasini, collaborando anche al Progetto “Argonauti” attraverso il quale Psicololgi e Psicoterapeuti offrono colloqui individuali, familiari e gruppi di supporto alle persone ricoverate nel “Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura” (SPDC) dell’AUSL di Parma, fornendo loro la possibilità di rileggere l’esperienza che ha portato al ricovero.
Nel 2016 ha conseguito il diploma in Psicoterapia frequentando la Scuola quadriennale di Psicoterapia sistemica-integrata (IDIPSI) di Parma. Il dott. Mirco Moroni è stato il relatore della sua tesi di specialità, incentrata sull’organizzazione di personalità depressiva e sul processo di attaccamento nella relazione di coppia, nella relazione terapeutica e nella relazione di caregiving. 

Ha lavorato in una Comunità residenziale psicologica-educativa che ospita adolescenti con difficoltà psicologiche, relazionali e comportamentali, dove viene offerto sostegno alle famiglie e supporto ai minori, promuovendo degli interventi che possano riattivare processi di cambiamento personale. 
Ha lavorato in un Gruppo-appartamento riabilitativo-terapeutico per persone seguite dal Dipartimento di Salute Mentale, con la finalità di incentivare l’autoaffermazione della persona e l’attivazione di risorse verso l’integrazione, l’indipendenza e la socialità.
Ha svolto consulenze ad aziende per la valutazione e gestione del rischio da Stress lavoro-correlato (Dlgs n. 81/08), avvalendosi di strumenti quali i focus group, le interviste e i questionari. 
Dal 2013 al 2016 ha sviluppato, insieme alla collega dott.ssa Valentina Rodolfi, il progetto "Lo Psicologo in Farmacia" che ha coinvolto la Farmacia Guareschi di Parma, con l’obiettivo di promuovere la salute mentale e il benessere psicologico, prevenire del disagio e orientare. Attraverso questo progetto si è voluto creare un punto di riferimento riconoscibile e di facile accesso in cui le persone potessero sentirsi accolte, sullo sfondo di un concetto di salute legato alla comunità e al territorio. 

Dal 2016 lavora nei servizi socio-sanitari (RSA, Case di riposo, Centri Diurni e Nuclei Alzheimer) in Emilia-Romagna e Lombardia. In questi contesti, offre sostegno psicologico ai familiari, attraverso percorsi di psicoterapia volti alla rielaborazione dell'impatto della demenza o del ricovero in un servizio residenziale sul ciclo di vita della famiglia, conduce gruppi di psicoterapia, esegue valutazioni psico-cognitive e formula interventi terapeutici mirati ai bisogni dei singoli utenti. Inoltre, supporta psicologicamente l’equipe di lavoro multidisciplinare tramite supervisioni e percorsi formativi, e promuove un approccio psicologico ai ruoli di coordinamento e un sostegno psicologico alle organizzazioni.

Lavora come libera professionista dal 2012. Ha lavorato nello studio privato "Centro Psicomoro" di Parma poi nel "Poliambulatorio Privato San Michele" di Reggio Emilia ed oggi riceve i suoi pazienti nel "Poliambulatorio Nuovo S. Orsola" di Parma in via Sidoli 9, dove accoglie adolescenti, adulti e famiglie. 

È  Socia Fondatrice dell'Associazione di Promozione Sociale Rondò con sede a Parma.

“Considero l'individuo parte di una rete di relazioni e vedo il sintomo come un segnale che invita la persona a rileggere gli eventi e le relazioni verso la elaborazione di nuovi significati esistenziali.
Mi piace pensare alla  Psicoterapia come ad un'opportunità: un piccolo viaggio per migliorarsi e uno spazio personale di crescita e di acquisizione di una maggiore consapevolezza, sia di noi stessi che delle relazioni in cui siamo coinvolti. Si lavorerà ponendo attenzione ai pensieri, alle emozioni, agli stati di agitazione e di stress, a ciò che il corpo vuole comunicare, al delicato equilibrio fra cambiamento e stabilità.”

mercoledì 2 maggio 2018

Nuova convenzione attiva da settembre 2018


convenzione con la tessera per i giovani dell'Emilia-Romagna ricevo a ParmaHai meno di 29 anni e cerchi uno Psicologo a Parma?

Sono lieta di informarti che a partire da settembre 2018, sarà attiva la convenzione con YoungERcard, la nuova carta della Regione Emilia-Romagna per i giovani di età compresa fra i 14 e i 29 anni residenti, studenti o lavoratori, in Emilia-Romagna. 

Maggiori informazioni potete trovarle 
cliccando sul sito 
www.youngercard.it/cg/convenzione/1964/
o contattandomi ai miei recapiti: 

giovedì 1 marzo 2018

Rimanete connessi!

terapia individuale e supporto psicologico non solo in studio ma anche tramite skype
Il sito “Psicologo Parma”

è finalmente collegato con il blog di
Veronica Gardoni Psicologa Psicoterapeuta

Consulta le pagine per avere maggiori informazioni sulle aree di intervento di cui mi occupo

venerdì 3 novembre 2017

Attaccamento nella coppia, nella relazione di caregiving e nella stanza di psicoterapia

la terapia di coppia, la relazione fra terapeuta e paziente, nonchè la relazione anziano e caregiver sono dei momenti di riflessioneVi invito a leggere il mio ultimo articolo pubblicato sulla rivista Cambia-Menti, rivista ufficiale dell’Istituto di Psicoterapia Sistemica Integrata a Parma.

Parla di incontri, continui, nuovi e antichi, che permettono di esplorarsi, di aggiornarsi, di conoscersi e di cambiare. Incontri che avvengono quando nasce una coppia, quando qualcuno ha bisogno di aiuto e quando si decide di prendere in mano la propria vita chiedendo un consulto ad uno Psicologo Psicoterapeuta.

Buona lettura!


Veronica Gardoni (2016), "Quando gli attaccamenti si incontrano: coppia, caregiving e psicoterapia. Un caso clinico di organizzazione depressiva", Cambia-menti, pp. 110-121


Cosa accade quando nella relazione le persone scoprono la possibilità di aggiornare i propri schemi di attaccamento? L’autore poserà lo sguardo in particolare sulla relazione di coppia, la relazione di caregiving e la relazione terapeutica. Gli stili di attaccamento si incontrano e si scontrano nella scelta del partner con cui costruire una nuova famiglia e nella gestione di un genitore che forse per la prima volta ha bisogno di aiuto. Incontrarsi in una relazione extra-familiare come quella terapeutica, da un lato, comporta la responsabilità del clinico di acquisire consapevolezza delle proprie dinamiche interne e dell’influenza che queste assumono nella relazione, dall’altro, rappresenta un opportunità per il paziente di riscoprire nuove modalità relazionali, magari più funzionali. La teoria dell’attaccamento sarà la lente attraverso cui leggere le dinamiche relazionali, mentre l’epistemologia sistemica permetterà di integrare i contributi di diversi autori. Il modello psicopatologico di Guidano (1988), che affronta il significato personale a partire dalle esperienze di attaccamento, offrirà un ulteriore chiave di lettura. Un caso clinico di organizzazione depressiva, caratterizzato da rabbia e disperazione, permetterà all’autrice di esplorare le difficoltà di una relazione che inevitabilmente coinvolge il sistema di attaccamento sia del terapeuta che del paziente. 

mercoledì 31 maggio 2017

Alzheimer: anziani e familiari

aiutare i familiari nell'affrontare la demenza dei propri anziani attraverso un percorso di psicoterapia a parmaLa mia esperienza lavorativa si sta arricchendo di un nuovo percorso, difficile quanto prezioso. Sono stata scelta per svolgere un corposo servizio di sostegno psicologico in una Residenza Sanitaria Assistenziale a Milano. Psicologa non solo a Parma quindi.

Il progetto è ambizioso e risponde ai bisogni, captati dal professionista che mi ha preceduto, degli utenti del servizio: gli anziani e i loro familiari.

L'impatto che la demenza e la malattia di Alzheimer hanno sul ciclo di vita della famiglia è enorme. Ogni giorno mi immergo nei racconti dei familiari: le loro risorse, i loro dubbi, le loro sofferenze e le loro libertà faticosamente conquistate. Li ringrazio per essersi fidati di noi Psicologi e per averci donato le loro emozioni.

L'Alzheimer obbliga ad andare oltre le parole. Il corpo deve allenarsi a percepire emozioni e sensazioni, a interrogarsi su come si sta in relazione con l'altro e su come i propri vissuti emergono nella relazione con l'altro e la influenzano. In un mondo, quello dell'Alzheimer, dove comunicano più le emozioni che le parole, viene perso il salvagente che più di una volta ci ha aiutato a nasconderci da tanta franchezza: non esistono spiegazioni razionali, discorsi coerenti o pensieri logici. O meglio, esistono solo se si sa osservare bene. L'anziano affetto da demenza costringe a guardarsi dentro interrogandosi su temi importanti e spesso rifiutati. L'anziano affetto da demenza costringe soprattutto il familiare a guardare dentro la loro relazione, a riconoscerla e a riscoprirla. Spesso accade che emergano elementi emotivi talmente primordiali e puri, da incutere timore.

Cosa dicono di te le tue emozioni? Cosa dicono di te le tue paure?




sabato 2 luglio 2016

Le costellazioni familiari applicate alla psicoterapia individuale

le costellazioni familiari in terapia individuale, in terapia di coppia e in terapia familiare a parma
Vi invito a leggere l'ultimo mio articolo pubblicato sulla rivista Cambia-Menti, rivista ufficiale dell’Istituto di Psicoterapia Sistemica Integrata a Parma.

Parla di libertà e di nuovi significati, di una relazione che si crea nella stanza di psicoterapia e che permette l'apertura a nuovi mondi.

Buona lettura!


Veronica Gardoni (2015), "Le costellazioni familiari in terapia sistemica individuale: gli oggetti diventano co-terapeuti. Un invito a giocare sul serio", Cambia-menti, pp. 73-81


L’elaborato accoglie l’invito di Bateson a introdurre libertà, creatività e novità in psicoterapia. L’autrice avanza l’ipotesi che gli oggetti in terapia, agendo come un terzo, possano colmare l’assenza della co-terapia in terapia sistemica individuale, permettendo al terapeuta di decentrarsi e di introdurre nuove danze, ipotesi e aperture nel sistema. L’elaborato non promuove l’ennesima “oggetto-terapia”, ma riflette sul potere perturbativo dell’approccio sistemico che considera gli oggetti come espedienti per provocare dei movimenti processuali. Verrà descritto un caso clinico di in cui si propone l’esperienza delle Costellazioni Familiari: le dinamiche familiari rappresentate da “pupazzetti” faciliteranno consapevolezze maggiormente emotive e corporee.

sabato 9 aprile 2016

Alla ricerca di una consapevole libertà

la psicoterapia come un'opportunità per affrontare difficoltà e sofferenze, il terapeuta come compagno di viaggioLavorare sulla consapevolezza delle proprie emozioni, azioni e pensieri, del proprio ruolo all'interno del sistema a cui si appartiene (famiglia, lavoro, società) e dei segnali che provengono dal proprio corpo, rappresenta un processo decisivo al fine di poter scegliere liberamente quale strada percorrere nella propria vita.

Vedo la psicoterapia come un percorso di aiuto, di sostegno psicologico, di rilettura degli eventi e di riconoscimento delle proprie emozioni, verso un maggior benessere della persona. 

Vedo lo Psicologo psicoterapeuta come un compagno di viaggio, colui che può accompagnare nelle transizioni delle fasi del ciclo di vita, che possono portare a momenti di difficoltà o sofferenza, e che può mostrare sentieri nuovi.

Veronica Gardoni Psicologa Psicoterapeuta a Parma.

venerdì 16 ottobre 2015

La psicoterapia sistemica


psicologo terapeuta che svolge psicoterapia nella città di parma"Fare psicoterapia sistemica oggi per noi significa immergersi con il cliente in una complessa rete di idee, emozioni, persone significative, connesse ricorsivamente ed esplorate da due interlocutori per mezzo dello strumento linguistico.
Il pensiero dello psicoterapeuta sistemico è basato sull'importanza della pluralità dei punti di vista, sul privilegiare il porsi domande rispetto al darsi risposte, esso ha l'effetto nel tempo di trasmettere al cliente un modo di connettere le cose e le persone, gli eventi e i significati, che lo libera dalla rigida visione di sè e della realtà che lo circonda. Egli può così espandere e approfondire la propria sensibilità e la possibilità di esperire e vedere gli eventi e le storie che lo riguardano in una prospettiva più ampia.
In questo modo, possiamo dire che il cliente si libera di una sua storia, divenuta ingombrante e fonte di sofferenza, per entrare in una nuova storia che gli offra maggiore libertà e autonomia"

(Boscolo e Bertrando, 1996).